LA SABBIA E I BAMBINI: INFEZIONI IN AGGUATO?

I bambini amano la sabbia, il contatto con l’acqua del mare, i giochi con i bambini, costruire castelli e scavare piccole buche con i nuovi amichetti ma, conosciamo davvero le insidie e le infezioni che porta con sè la sabbia? realmente sappiamo se dove camminano e giocano non vi siano  fonti di infezioni o addirittura pidocchi?

Gli esperti raccomandano ai genitori di non trascurare questi “pericoli” della sabbia: pidocchi, dermatiti, infezioni e impetigine sono i cattivi frutti di un contatto con la sabbia sporca e il danno creato causa disagi notevoli per i bambini: prurito, dolore e irritazione.

I bambini, a contatto stretto con la sabbia, per ore, toccano con le mani e , a volte, si trasmettono piccole infezioni, persino giocando. Tra i granelli della sabbia, purtroppo, si annidano virus e pidocchi, senza considerare i pezzi di vetro, affermano gli esperti dermatologi. Se, purtroppo, un adulto con una infezione ai piedi( verruche) cammina sulla battigia, puo’ trasmettere la stessa infezione a chi cammina senza sandali; è quindi prioritario indossare i sandali sempre!

I danni a cui il bambino andrebbe incontro è, nel peggiore dei casi, una infezione della pelle o dermatiti.

Gli esperti consigliano pertanto, con estrema attenzione per le parti intime dei piccolini, di non sederli o lasciarli mai senza costume quando vengono in contatto con la sabbia: le irritazioni sono in agguato, la sabbia irrita il loro derma delicato.

  • Far indossare SEMPRE i sandali da mare: non farli camminare scalzi.
  • Evitare che portino le mani alla bocca.
  • Fare una doccia veloce dopo il bagno nel mare
  • Proteggere la loro pelle con un latte solare ad alta protezione: uno scudo di crema allontana anche le piccole abrasioni che la sabbia potrebbe creare.

 

Impariamo a proteggere la pelle e a rispettare questi consigli: una estate sicura parte anche dalla prevenzione.

 

 




Commenti

commenti